L’addio alla professione di Archivista di Richard J. Cox. :

https://readingarchivestheacademy.wordpress.com/2017/07/21/farewell-to-aeri-or-last-words-on-the-archival-mission/

 

Tutto da leggere, e rileggere anche i suoi post meno recenti sul suo blog. Vorrei che ci fosse anche qui da noi, chi fa tesoro del suo appello, sopratutto nel comprendere che il campo della memoria è sempre un campo di battaglia tra prove e manipolazioni, e che per raggiungere una “verità” fattuale bisogna accettare che essa sia sempre provvisoria, multipla, contraddittoria e complessa. Ciò non giustifica comunque chi, dotato di pubblica autorità, nasconde, manipola, distrugge documenti storici (in Italia sono molti anni che si attende un decente “verità” sulle stragi fasciste e di stato degli anni Settanta -che hanno fatto più morti e feriti di tutti gli omicidi perpetrati dai gruppi armati della sinistra extraparlamentare, e sono state compiute, cosa molto più grave, con la complicità di apparati deviati dello stato). La battaglia di Cox e degli altri “guerrilla archivists” è contro la distruzione, in atto dall’amministrazione Trump, per salvare i documenti relativi al cambiamento climatico, all’importanza della prevenzione per la salute pubblica, ecc. Molti archivisti professionali hanno aderito al movimento, in alleanza con comunità e gruppi di cittadini; Cox , con una immagine efficace, richiama le figure dei monaci medioevali che ricopiavano di nascosto i testi classici “proibiti” dalla Chiesa, salvandoli dall’oblio e dalla distruzione. Certo che il mestiere archivistico, specie per i pubblici dipendenti, si arricchisce di sfide nuove e molto interessanti…si saprà coglierele?

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in archivi, media, ribellarsi è giusto

Un contributo “Teatrale” al discorso sul genere

http://www.corriere.it/spettacoli/17_luglio_26/mio-teatro-transgender-che-racconta-l-identita-genere-a6af2dae-714b-11e7-97e0-849a9c15ef13.shtml

Lascia un commento

Archiviato in politica

The Ebon Box. Emily Dickinson, n. 169 (1860)

In Ebon Box, when years have flown
To reverently peer –
Wiping away the velvet dust
Summers have sprinkled there!

To hold a letter to the light –
Grown Tawny now, with time –
To con the faded syllables
That quickened us like Wine!

Perhaps a Flower’s shrivelled cheek
Among its stores to find –
Plucked far away, some morning –
By gallant – mouldering hand!

A curl, perhaps, from foreheads
Our constancy forgot –
Perhaps, an antique trinket –
In vanished fashions set!

And then to lay them quiet back –
And go about its care –
As if the little Ebon Box
Were none of our affair!

“Emily Dickinson. Tutte le poesie”, a cura di Marisa Bulgheroni, Mondadori 1997.

“Nella cassetta d’ebano, passati molti anni
guardare reverenti,
scostando quella vellutata polvere
che le estati vi sparsero

E reggere una lettera alla luce –
ormai ingiallita dal tempo –
compitare le sillabe sbiadite
che come vino ci esaltarono!

Forse tra i suoi tesori ritrovare
qualche sgualcito petalo d’un fiore
che una mattina lontano fu colto
da un’intrepida mano, ora consunta!

(…)
E poi riporre tutto, silenziosi,
e andare pei fatti nostri
come se quella cassettina d’ebano
più non ci riguardasse!”

e molti anni dopo, questa bellissima canzone, nella fassbinderiana versione cinematografica (segnalata da Marco Ferrari): dicono di più sul <ricordare> che un tomo di mille pagine…

 

 

 

 

Lascia un commento

Archiviato in archivi, memoria

EFFE, archivio virtuale sul web

Bellissima realizzazione!
effe, rivista femminista

Lascia un commento

Archiviato in archivi, femminismo, media, memoria

Il sito del progetto BABE, Bodies across Borders, oral and visual memories in Europe and beyond

http://blogbabeproject.eu/welcome/
progetto della Università Europea coordinato da Luisa Passerini e Liliana Ellena. E’ un blog ricco e complesso, da esplorare con calma, che fornisce informazioni su eventi e protagonisti dell’attuale scenario multiculturale di studio e attivismo (Itinerari della soggettività mobile…) e approfondimenti nel campo degli studi trans e interculturali.

Lascia un commento

Archiviato in archivi, cultural studies

Laura Capitta

Ci ha lasciato. Addio cara, ti ricorderò sempre con affetto, stima, e dolore per il vuoto che lasci.
Un ricordo su Herstory
https://www.facebook.com/archiviaherstory/?fref=nf

Lascia un commento

Archiviato in archivi

Rovegno, nuove anzi vecchie fotografie

1-House at Staten Island 1

1-House at Staten Island 1

My Great Grandmother Luigia De Barbieri, wife of Domenico Rovegno

My Great Grandmother Luigia De Barbieri, wife of Domenico Rovegno

3-Tino De Ferrari and Edmund Meagher, son of Kate Rovegno, 1918, Staten Island

Tino De Ferrari and Edmund Meagher, son of Kate Rovegno, 1918, Staten Island

4-Rose Rovegno with Tino De Ferrari (my father) at Staten Island,

Rose Rovegno with Tino De Ferrari (my father) at Staten Island,

7-Frank Rovegno

Frank Rovegno

6-Jenny Rovegno, 17 years old, 1904

Jenny Rovegno, 17 years old, 1904

5-Frank Rovegno and Edmund Meagher

Frank Rovegno and Edmund Meagher

14-Uda Rovegno with sons Josie and Albert

Uda Rovegno with sons Josie and Albert

9-Albert Rovegno with Rose and Grace 1957

Albert Rovegno with Rose and Grace 1957

13-Lizzie Rovegno wife of Pompeo Coppini

Lizzie Rovegno wife of Pompeo Coppini

8-Albert Rovegno with Rose Santore, 1

Albert Rovegno with Rose Santore, 1

11-Floyd Rovegno

Floyd Rovegno

12-Floyd Rovegno 1946

Floyd Rovegno 1946

10-Edmund Meagher, son of Kate Rovegno, 1947

Edmund Meagher, son of Kate Rovegno, 1947

Lascia un commento

Archiviato in archivi