Archivi tag: memoria

L’addio alla professione di Archivista di Richard J. Cox. :

https://readingarchivestheacademy.wordpress.com/2017/07/21/farewell-to-aeri-or-last-words-on-the-archival-mission/

 

Tutto da leggere, e rileggere anche i suoi post meno recenti sul suo blog. Vorrei che ci fosse anche qui da noi, chi fa tesoro del suo appello, sopratutto nel comprendere che il campo della memoria è sempre un campo di battaglia tra prove e manipolazioni, e che per raggiungere una “verità” fattuale bisogna accettare che essa sia sempre provvisoria, multipla, contraddittoria e complessa. Ciò non giustifica comunque chi, dotato di pubblica autorità, nasconde, manipola, distrugge documenti storici (in Italia sono molti anni che si attende un decente “verità” sulle stragi fasciste e di stato degli anni Settanta -che hanno fatto più morti e feriti di tutti gli omicidi perpetrati dai gruppi armati della sinistra extraparlamentare, e sono state compiute, cosa molto più grave, con la complicità di apparati deviati dello stato). La battaglia di Cox e degli altri “guerrilla archivists” è contro la distruzione, in atto dall’amministrazione Trump, per salvare i documenti relativi al cambiamento climatico, all’importanza della prevenzione per la salute pubblica, ecc. Molti archivisti professionali hanno aderito al movimento, in alleanza con comunità e gruppi di cittadini; Cox , con una immagine efficace, richiama le figure dei monaci medioevali che ricopiavano di nascosto i testi classici “proibiti” dalla Chiesa, salvandoli dall’oblio e dalla distruzione. Certo che il mestiere archivistico, specie per i pubblici dipendenti, si arricchisce di sfide nuove e molto interessanti…si saprà coglierele?

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in archivi, media, ribellarsi è giusto

Il sito del progetto BABE, Bodies across Borders, oral and visual memories in Europe and beyond

http://blogbabeproject.eu/welcome/
progetto della Università Europea coordinato da Luisa Passerini e Liliana Ellena. E’ un blog ricco e complesso, da esplorare con calma, che fornisce informazioni su eventi e protagonisti dell’attuale scenario multiculturale di studio e attivismo (Itinerari della soggettività mobile…) e approfondimenti nel campo degli studi trans e interculturali.

Lascia un commento

Archiviato in archivi, cultural studies

Rovegno, nuove anzi vecchie fotografie

1-House at Staten Island 1

1-House at Staten Island 1

My Great Grandmother Luigia De Barbieri, wife of Domenico Rovegno

My Great Grandmother Luigia De Barbieri, wife of Domenico Rovegno

3-Tino De Ferrari and Edmund Meagher, son of Kate Rovegno, 1918, Staten Island

Tino De Ferrari and Edmund Meagher, son of Kate Rovegno, 1918, Staten Island

4-Rose Rovegno with Tino De Ferrari (my father) at Staten Island,

Rose Rovegno with Tino De Ferrari (my father) at Staten Island,

7-Frank Rovegno

Frank Rovegno

6-Jenny Rovegno, 17 years old, 1904

Jenny Rovegno, 17 years old, 1904

5-Frank Rovegno and Edmund Meagher

Frank Rovegno and Edmund Meagher

14-Uda Rovegno with sons Josie and Albert

Uda Rovegno with sons Josie and Albert

9-Albert Rovegno with Rose and Grace 1957

Albert Rovegno with Rose and Grace 1957

13-Lizzie Rovegno wife of Pompeo Coppini

Lizzie Rovegno wife of Pompeo Coppini

8-Albert Rovegno with Rose Santore, 1

Albert Rovegno with Rose Santore, 1

11-Floyd Rovegno

Floyd Rovegno

12-Floyd Rovegno 1946

Floyd Rovegno 1946

10-Edmund Meagher, son of Kate Rovegno, 1947

Edmund Meagher, son of Kate Rovegno, 1947

Lascia un commento

Archiviato in archivi

Chiharu Shiota, The Key in the Hand, 56. Biennale d’Arte di Venezia – Padiglione Giappone, 2015

https://www.youtube.com/watch?v=GolS9Db3BMM

 

http://arte.sky.it/2015/05/biennale-darte-di-venezia-il-padiglione-giapponese/#0

Una installazione dell’artista Chiharu Shiota all’ultima Biennale veneziana. Si può vedere fino a novembre. Io l’ho trovata stupenda. E’ molto difficile da fotografare, perché quando entri sei completamente immersa in questo intreccio incredibile di fili, intreccio e non groviglio, perché ognuno (e sono migliaia) ha una sua traiettoria  – anche se non è decifrabile. Il catalogo e il curatore danno delle interpretazioni, io preferisco lasciarmi portare dalla profonda suggestione che esercita l’opera. Le vite degli individui? Le chiavi  appese come i nuclei della memoria individuale, “chiave” della soggettività? Che spesso non coincide più con la serratura…le barche, sospese e circondate dai fili, come eventi, periodi storici intorno a cui si addensano le traiettorie delle vite individuali? che sono singolari e inestricabilmente intrecciate tra loro, formano fasci, si raccolgono e poi si ridividono, cercano la propria strada. Chi guarda è dentro l’opera, difficile distanziarsi, non c’è un punto di vista globale, proprio come il mondo e la vita: un filo tra i fili, una chiave nella mano, dice  Chiharu Shiota. Oppure perduta, smarrita. Forse è possibile ritrovarla, in quei mucchi di chiavi sparsi per terra, chissà se è la stessa o un’altra, se nel frattempo anche la serratura è cambiata… Intanto penso alla memoria, alle vite, alla storia; e poi ovviamente, al tempo… Insomma: un ermo colle e una siepe. Trovarlo a Venezia nel casino festoso e impegnato della Biennale è stata una bella sorpresa.

(Foto Caterina Porcellini)

Lascia un commento

Archiviato in archivi

Roma, Tavola rotonda: Archivi delle donne. Prospettive, problemi, sfide

                                  Giovedì 23 aprile 2015, ore 17.00

 Tavola rotonda

 Archivi delle donne. Prospettive, problemi, sfide

 a partire dal volume a cura di Paola Novaria e Caterina Ronco

 Archivi delle donne in Piemonte. Guida alle fonti

Centro Studi Piemontesi, 2014

Intervengono

Gabriella Nisticò, Paola Novaria, Silvia Trani, Manola Ida Venzo

Coordina

Elena Petricola

 

Biblioteca di storia moderna e contemporanea – Palazzo Mattei di Giove

Via Michelangelo Caetani 32 – Roma

Per informazioni: tel. 0668281739 – b-stmo.info@beniculturali.it  – www.bsmc.it

 

*****************************************************************************************************

Comunicato stampa

 

Giovedì 23 aprile alle ore 17.00, in collaborazione con la Casa Internazionale delle donne,Archivia e la SIS (Società Italiana delle Storiche), presso la Biblioteca di storia moderna e contemporanea (Palazzo Mattei di Giove – Via Michelangelo Caetani 32, Roma), si terrà una tavola rotonda sul tema Archivi delle donne. Prospettive, problemi, sfide, a partire dalla pubblicazione del volume a cura di Paola Novaria e Caterina Ronco Archivi delle donne in Piemonte. Guida alle fonti, Centro Studi Piemontesi, 2014. Intervengono: Gabriella Nisticò,Paola Novaria, Silvia Trani, Manola Ida Venzo. Coordina: Elena Petricola.

 

L’Archivio delle Donne in Piemonte, come altre iniziative ed esperienze analoghe, è nato dal riconoscimento del valore collettivo della storia delle donne e dalla necessità di conservarne la memoria, bene comune per il territorio. Il volume a cura di Paola Novaria e Caterina Ronco Archivi delle donne in Piemonte. Guida alle fonti fa parte della collana “Archivi e Biblioteche in Piemonte”, promossa dall’amministrazione regionale in collaborazione con il Centro Studi Piemontesi, e propone l’elenco di tutti gli archivi di singole donne e associazioni femminili del Piemonte; ad ognuno di essi è dedicata una scheda con collocazione e contenuti.

 

Indice: Presentazione. Eugenio Pintore, Gli archivi delle donne: una ricchezza di genere. Dimitri Brunetti, Prefazione. Daniela Caffaratto, Prefazione. Elena Petricola, Per Caterina Ronco, Archivi delle donne in Piemonte. Un incrocio di mappe e di sguardi. Archivio delle Donne in Piemonte, Considerazioni archivistiche a margine di un censimento di fondi. Linda Giuva, Non solo polvere. Soggettività e archivi. Paola Di Cori. Guida alle fonti per la storia delle donne in Piemonte.

Completano l’opera una ricca bibliografia (suddivisa in Archivi, fondi, inventari; Memorialistica; Studi e ricerche) e gli indici dei nomi di persona e dei nomi di associazioni, gruppi e movimenti.

 

La recente pubblicazione del volume ha offerto lo spunto per un confronto sui luoghi di documentazione archivistica per la storia di genere in Italia.

Al dibattito parteciperanno Gabriella Nisticò, presidente di ARCHIVIA (Roma), Elena Petricola, storica, co-delegata dell’Archivio delle Donne in Piemonte, Paola Novaria, responsabile dell’Archivio storico dell’Università di Torino, Silvia Trani, archivista, specialista di archivi militari, Manola Ida Venzo, funzionaria dell’Archivio di Stato di Roma.

1 Commento

Archiviato in archivi, convegni, femminismo

Incontro a Bologna 2. Continua dal post precedente

Sempre sperando in una messa in rete della registrazione video degli interventi, passo a quello di Paola Di Cori, non perché non siano stati belli e interessanti quelli di Annamaria Tagliavini e Serena Sapegno (autrici di Babyboomers ), e quello di Marzia Vaccari, che ha illustrato come attraverso la ricerca in rete, con Cercatrice, a differenza che con altri browser, si possa “raccontare la storia del femminismo” senza incappare  in “falsi positivi”, quando non veri e propri siti pieni di bufale menzogne e anche insulti…

L’intervento di Paola Di Cori è una specie di controcanto rispetto a quello di Anna Rossi Doria, e perciò mi sembra importante cercare di ricordare i concetti principali. Almeno, quelli che sono riuscita ad annotare.

“Nel tempo, cambiano i significati attribuiti alle parole (vedi Femministe a parole ). E’ importante raccontare e trasmettere, contro la narrazione egemonica che si presenta come un edificio autoreferenziale. Parole chiave: asincronia e archivio. Abbiamo  bisogno di una grande narrazione del femminismo, ma non come negli anni Settanta, Ottanta, chiusa e autoreferenziale. Bisogna trovare gli intrecci con sessualità, razza e razzismo, politica, donne non-femministe…esperienze corporali, visuali…ciò che subito appare chiaro e nitido, poi si offusca…ordine e disordine si scambiano le parti. Per rendere riconoscibili le esperienze, non dobbiamo lasciare le cose in stato di quiete…

Asincronia: “femminismo” non ha una continuità immediata con il presente. Dissidio, frizione, trasformazione. Asimmetria della memoria. Diversa disposizione nello spazio e nel tempo. (Fattori di cambiamento) come media, informatica, crisi economica… nomi come Freud, Benjamin, Nicole Loraux , Joan Scott; opere letterarie come Calvino in Palomar …

Archivi: costruzioni irregolari, fatte di testimonianze ingombranti e di silenzi. Archivi come luoghi di affettività  (cita: Arlette Farge , Nathalie Léger, Jean Luc Nancy). Conflitto tra memoria e archivio…”

Questo quello che ho capito, ma forse mi è sfuggito altro. Naturalmente, Anna Rossi Doria ha subito dichiarato di non essere daccordo sulla non-continuità del femminismo  con il grande movimento che inizia nel Settecento e continua con l’Otto e Novecento. Purtroppo poi si sono messe a parlare tra loro a bassa voce, evidentemente per chiarire meglio i punti di disaccordo o di accordo.

Quindi, siamo rimaste così. Ci tocca ragionarci su, cercando di usare i loro suggerimenti, i tanti autori e autrici citate, e poi perché no, la nostra testa…

Il convegno è continuato con altri interventi, bello e intenso come sempre quello di Emma Baeri, poi una giovane e bravissima Antonia Cosentino, autrice del libro Al posto della dote ( sulle Case delle donne in Italia) . Mi ha colpito, e me lo voglio leggere, anche perché mi ricordo bene le lunghe lotte per avere un Luogo, una Casa. In tante città, compresa Genova. Lotte che continuano anche adesso…

I miei appunti finiscono qui, ma il convegno è continuato. Bene, al prossimo!  abbiamo di che pensare.

 

 

 

Lascia un commento

Archiviato in archivi, convegni, femminismo

Genealogie 2

Ecco qui sotto il mio bisnonno Dominic Rovegno con due dei suoi figli, Albert (in piedi) e Frank. La foto e le note sul retro sono di mio padre Tino (1915-1997), che visse alcuni anni con il nonno nella grande casa di Staten Island, libero e felice con i suoi giovani zii. Prossimamente pubblicherò altre fotografie – sono un mezzo formidabile per rintracciare lontani parenti…come per esempio Robert Rovegno (hello, Robert!) cugino via web…

1 Commento

Archiviato in archivi