Archivi tag: mobilitazioni

Migliaia in corteo per la libertà e l’autodeterminazione

giubbe rosseManifestazione a Genova, come in altre città d’Italia, contro gli attacchi alla legge 194 e in generale per l’autodeterminazione delle donne. Moltissima gente, di varie generi e generazioni in Piazza De Ferrari. Anche molte ragazze, e donne immigrate. Molti anche gli uomini. Bella atmosfera, amiche che si ritrovano dopo un po’ di anni…anche musica a palla, girotondi e balli. Ma non deve trarre in inganno – non era una scampagnata: la gente, almeno quelle migliaia, forse diecimila, che erano li, e che poi hanno animato un grande corteo per le vie del centro, avevano ben chiaro che questa aggressione all’autodeterminazione delle donne è anche un test sulla tenuta e capacità di reazione sociale. Ci sono molte forze che aspirano a instaurare un autoritarismo mediatico e paternalista – non solo il Vaticano e la destra. E ci sono oscillazioni e ambiguità anche nei partiti di sinistra.
Basta, facciamo chiarezza! Non ci useranno per i loro giochetti politici. Non ci useranno per niente!
Diceva una donna: “Mi pare di non essermi mai allontananata da questa piazza, di non avere mai smesso di lottare…”. Vero. Anch’io ho avuto la stessa sensazione. Ma anche la soddisfazione di essere di nuovo in migliaia. Qui ci sono alcune delle foto.
Mi sento di poter dire, dopo la giornata di oggi, che sarà ancora dura, ma “non passeranno!”.

Lascia un commento

Archiviato in femminismo, ribellarsi è giusto

Mai sottovalutare le donne!

Attacco clericale e reazionario alla legge sull’aborto e all’autodeterminazione delle donne.

Mi pare che la risposta delle donne, da nord a sud, in metropoli e provincie, non si sia fatta attendere. Sabato pomeriggio anche qui a Genova si è fatto un primo improvvisato presidio in Piazza De Ferrari, davanti a Palazzo Ducale, cento, forse duecento donne, tutto convocato via sms e telefonate. Intanto procede la organizzazione del presidio e forse manifestazione di sabato 23 – stesso posto e orario.

Anche ad Albenga, provincia di Savona, un gruppo di donne ha atteso Ferrara davanti al cinema dove stava sproloquiando. Per non farsi beccare, è dovuto uscire dal retro. Dal posto che gli conviene. Mooolto onorevole…molto prestigioso!

Intanto si sentono girare proposte di incontri, riunioni nelle case, come una volta.

Si scrivono lettere ai giornali, appelli, commenti…e anche volantini, striscioni, cartelli. Le figlie trentenni sono furibonde: lo credo, a loro le tocca da molto vicino. Ma al presidio di sabato c’era una gagliarda signora di 84 anni…e faceva un freddo boreale. Anche le ragazze e donne latine (a Genova c’è una grande comunità) stanno mettendosi in movimento…

Ma non solo manifestazioni reali; anche sul web si sta muovendo un corteo virtuale di blog, che si infoltisce sempre di più. Credo che non passerà molto e quelli che hanno scatenato questa squallida campagna forse dovranno pentirsene.

Mai sottovalutare le donne!

Lascia un commento

Archiviato in ribellarsi è giusto