Archivi tag: politica

L’addio alla professione di Archivista di Richard J. Cox. :

https://readingarchivestheacademy.wordpress.com/2017/07/21/farewell-to-aeri-or-last-words-on-the-archival-mission/

 

Tutto da leggere, e rileggere anche i suoi post meno recenti sul suo blog. Vorrei che ci fosse anche qui da noi, chi fa tesoro del suo appello, sopratutto nel comprendere che il campo della memoria è sempre un campo di battaglia tra prove e manipolazioni, e che per raggiungere una “verità” fattuale bisogna accettare che essa sia sempre provvisoria, multipla, contraddittoria e complessa. Ciò non giustifica comunque chi, dotato di pubblica autorità, nasconde, manipola, distrugge documenti storici (in Italia sono molti anni che si attende un decente “verità” sulle stragi fasciste e di stato degli anni Settanta -che hanno fatto più morti e feriti di tutti gli omicidi perpetrati dai gruppi armati della sinistra extraparlamentare, e sono state compiute, cosa molto più grave, con la complicità di apparati deviati dello stato). La battaglia di Cox e degli altri “guerrilla archivists” è contro la distruzione, in atto dall’amministrazione Trump, per salvare i documenti relativi al cambiamento climatico, all’importanza della prevenzione per la salute pubblica, ecc. Molti archivisti professionali hanno aderito al movimento, in alleanza con comunità e gruppi di cittadini; Cox , con una immagine efficace, richiama le figure dei monaci medioevali che ricopiavano di nascosto i testi classici “proibiti” dalla Chiesa, salvandoli dall’oblio e dalla distruzione. Certo che il mestiere archivistico, specie per i pubblici dipendenti, si arricchisce di sfide nuove e molto interessanti…si saprà coglierele?

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in archivi, media, ribellarsi è giusto

Addio, Caterina

No, Torino per me non sarà più la stessa, ora che so che non potrò più vederti, telefonarti, chiacchierare, scambiare idee, frammenti di progetti, discorsi su cose nuove o vecchie che riguardano la nostra comune passione per gli archivi, per la memoria delle donne…
Abbiamo condiviso un bel pezzo di strada, dagli anni 90 a oggi: con la rete Lilith e i centri delle donne, i primi abbozzi di un progetto per convogliare quella grande e sommersa ricchezza in un unico luogo (virtuale, un grande database al femminile), da cui poi tornare nei nostri specifici archivi con in più il sapere condiviso con le altre… abbiamo realizzato, combattuto, guadagnato tanto e anche perso parecchio, non ci siamo mai però perse di vista e ancora negli anni recenti, al Salone del libro, c’era un appuntamento irrinunciabile, con te e le  altre compagne e amiche torinesi di tante associazioni. Hai avuto un grandissimo amore per il tuo lavoro, negli anni in cui sembrava che dall’ “ente pubblico” potesse venire innovazione e inclusione per le realtà disperse, archivi e biblioteche piccole e magari prive di risorse, ma così importanti per costruire una mappa della storia delle donne, e in generale del territorio, del paese. Senza mai dimenticare di intrecciare i saperi ufficiali con le scoperte e innovazioni che maturavano nella sperimentazione di confine, nell’uso creativo degli strumenti tecnologici , possibile talvolta solo se non vincolati da protocolli standardizzati…abbiamo provato e qualcosa, forse, rimarrà. Intanto, gli archivi femminili, le “piccole navi fiammeggianti”, così mi ricordo che li abbiamo chiamati, sono ormai una realtà diffusa e sempre meno sommersa,  grazie al lavoro tuo e di altre donne… E facevi tante cose, in tanti campi diversi…  Eri curiosa e amica di persone di vari paesi, anche quelli più incasinati e poveri. Hai dato una mano, nessuno se lo scorderà mai, dal Libano alla Palestina, e poi l’Africa, e le donne migranti a Torino…

Mi manchi già tanto, Caterina, con la tua bella persona, gentile, forte e fragile, le tue belle collane, i tuoi scialli provenienti dai  mercatini di qualche paese lontano, o da sottocasa…addosso a te qualunque cosa ti faceva sembrare una principessa un po’ da fiaba…forse perché  amavi così tanto la bellezza e l’armonia. Eri tu la bellezza, la gentilezza e anche un po’ la fiaba…

Caterina Ronco

Caterina Ronco

Non sarà più la stessa ,Torino, anche se io non posso non amare questa città, come fosse la mia, perchè, anche, l’ho conosciuta un po’ attraverso di te.

Con le amiche, vicine e lontane, ti ricordiamo e ti teniamo con noi, stretta e vicina.

2 commenti

Archiviato in archivi

Marco Doria…Genova è un alveare in cui è piombato un sasso!

Un commento serio-faceto a ciò che succede qui lo trovate in questo articolo di Paola Tavella.

Siccome anche io sono andata al Liceo Doria, mi pare molto divertente il quadretto ieri/oggi disegnato da Paola. Per non parlare del siparietto di Casalino “Pinoli sono finiti”. Mi viene solo da dire che le “care vecchie tecniche del PCI” sono state fatte proprie dagli attivisti militanti delle cause di tutto il mondo. Sono IL MODO giusto e serio con il quale vanno fatte le cose. Per chi ci crede, ovvio.

Buona lettura…

Lascia un commento

Archiviato in politica

1° marzo, sciopero degli stranieri: “Il cambiamento comincia da noi!”

Striscione Archinaute

Sciopero stranieri, Archinaute

Un bellissimo primo marzo in giallo, una grande manifestazione di almeno diecimila persone nelle stade di Genova. Come nel resto d’Italia. L’idea viene dall’Europa, quella dei popoli – che ci fa capire che ne esiste un’altra che ci sta a cuore, alla quale è bello appartenere, come diceva Rosi Braidotti, oltre quella dei banchieri o degli OGM. Chi la anima sono uomini e donne di ogni colore e di ogni età.  Italiani che hanno organizzato per mesi la manifestazione insieme alle comunità degli immigrati. Stranieri che hanno attraversato molte frontiere, e che spesso vivono qui da molti anni. Come le donne e ragazze marocchine che ci hanno raccontato momenti della loro vita, mentre insieme portavamo lo striscione

1 marzo stranieri, striscione Archinaute

dell’Associazione “Archinaute”.  Con le quali e i quali abbiamo parlato di politica e di vita quotidiana,  mentre ci si allargava il cuore nel vedere quante persone partecipavano e quanti si univano man mano al corteo. Come ha gridato un ragazzo “Il cambiamento comincia da noi!”.

Credo di si, ho la percezione di un evento di quelli che poi si ricorderanno nei libri di storia. Piccolo all’inizio, ma che mette in moto, libera una enorme quantità di energie, di desideri, di creatività, di sentimenti. Da tutto questo, dai giovani e meno giovani italiani e stranieri che hanno iniziato questo percorso, forse può venire quel cambiamento della politica che è necessario oggi in maniera così urgente, così drammatica, come testimonia la cronaca quotidiana di questi mesi e giorni.

Aggiungo link a altre belle immagini della manifestazione genovese: fotografie del Popolo Viola, video di Sergio Gibellini

Lascia un commento

Archiviato in politica, ribellarsi è giusto

Popolo viola. Un volantino per la Costituzione (e per tante altre cose…)

Popolo viola. Volantino per il sitting del prossimo 30 gennaio

In difesa della Costituzione

Primo volantino del Popolo Viola, per la manifestazione del prossimo 30 gennaio, in molti luoghi e in contemporanea. Prodotto da Silvia e da un gruppo di donne giuslavoriste pugliesi, (qui il suo/loro sito web)

Penso e spero che ne seguiranno molti altri, ma mi piace comincire con questo.

Lascia un commento

Archiviato in politica, ribellarsi è giusto

No B Day, i mille colori del viola

Pubblico solo poche foto di quelle che ho fatto, ce ne sono di molto belle su molti luoghi del web, ad esempio su Repubblica e su altri siti di informazione, blog ecc.. Un fra tanti, l’album di facebook con le foto di Marco E. Pellizza .
E’ stata una manifestazione bellissima. Grazie a tutt* quell* che erano lì. A quell* che erano a manifestare nelle città italiane e nel resto del mondo…grazie per i cartelli e striscioni, significativi e anche divertenti, per gli slogan un po’ gridati, un po’ cantati e un po’ sghignazzati…anche quelli da stadio. Per gli interventi dal palco molto appassionati  (le ho sentite veramente solo il giorno dopo sul web, lì in piazza dov’ero c’era troppo casino)- e per le discussioni con gli sconosciuti nei bar e nel metrò, dove ci si capiva anche con poche parole. E…grazie Roma, per il sole a dicembre, le finestre con sciarpe e magliette viola appese…Grazie a chi ha organizzato tutto questo, migliaia di persone sconosciute,  forse questo paese ha ancora qualche speranza di cambiare.

Lascia un commento

Archiviato in politica, ribellarsi è giusto

Web 2.0, partecipazione, politica…NO B Day

Io ci credo, e sabato lo verificheremo, che attraverso il web, soprattutto il web 2.0 con i suoi mille canali, sia possibile organizzare un grande evento politico, con pochi soldi e molto lavoro (perchè dietro il No B Day ci sono tantissim* che pestano sui tasti, che raccolgono quote, che telefonano per i pulman, che disegnano gli striscioni, insomma tutto quanto serve, e che solo le mani umane possono fare).

Ed è un evento accompagnato da una grande discussione collettiva: in ognuno dei siti e blog che partecipano ci sono centinaia, migliaia di messaggi – anche quelli stonati o contrari.
Stamattina ho seguito il Forum con Roberto Saviano su Repubblica TV .Condivido tutto quello che ha detto. Saviano è uno degli uomini più profondi, lucidi e coraggiosi che abbiamo. E non ha perso una grande umanità, anzi, le tribolazioni e sofferenze l’hanno reso ancora più sensibile alla tragedia in cui si è avvitato il nostro paese, sotto il tallone delle mafie. Voglio sforzarmi di seguire i suoi consigli: leggere, informarsi, non pensare che la lotta ai poteri criminali sia una cosa che riguarda soltanto il Sud…

Perciò bisogna andare a Roma, al NO Berlusconi Day: non è possibile che, sapendo quello che sappiamo, quest’uomo continui a governare l’Italia. Utile anche un “sunto” della situazione: scaricate e leggete le “101 domande” al “Reticente del Consiglio”: lettura veramente istruttiva, vitamine per la nostra labile memoria.

Lascia un commento

Archiviato in ribellarsi è giusto