Archivi categoria: media

L’addio alla professione di Archivista di Richard J. Cox. :

https://readingarchivestheacademy.wordpress.com/2017/07/21/farewell-to-aeri-or-last-words-on-the-archival-mission/

 

Tutto da leggere, e rileggere anche i suoi post meno recenti sul suo blog. Vorrei che ci fosse anche qui da noi, chi fa tesoro del suo appello, sopratutto nel comprendere che il campo della memoria è sempre un campo di battaglia tra prove e manipolazioni, e che per raggiungere una “verità” fattuale bisogna accettare che essa sia sempre provvisoria, multipla, contraddittoria e complessa. Ciò non giustifica comunque chi, dotato di pubblica autorità, nasconde, manipola, distrugge documenti storici (in Italia sono molti anni che si attende un decente “verità” sulle stragi fasciste e di stato degli anni Settanta -che hanno fatto più morti e feriti di tutti gli omicidi perpetrati dai gruppi armati della sinistra extraparlamentare, e sono state compiute, cosa molto più grave, con la complicità di apparati deviati dello stato). La battaglia di Cox e degli altri “guerrilla archivists” è contro la distruzione, in atto dall’amministrazione Trump, per salvare i documenti relativi al cambiamento climatico, all’importanza della prevenzione per la salute pubblica, ecc. Molti archivisti professionali hanno aderito al movimento, in alleanza con comunità e gruppi di cittadini; Cox , con una immagine efficace, richiama le figure dei monaci medioevali che ricopiavano di nascosto i testi classici “proibiti” dalla Chiesa, salvandoli dall’oblio e dalla distruzione. Certo che il mestiere archivistico, specie per i pubblici dipendenti, si arricchisce di sfide nuove e molto interessanti…si saprà coglierele?

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in archivi, media, ribellarsi è giusto

EFFE, archivio virtuale sul web

Bellissima realizzazione!
effe, rivista femminista

Lascia un commento

Archiviato in archivi, femminismo, media, memoria

“Donne in movimento”: grande successo!

Presentazione al Sivori del film sul femminismo a Genova

Moltissima gente: il cinema Sivori era al completo, compresa la galleria. Abbiamo calcolato circa 250 persone.

Molti non hanno potuto entrare, bloccati per motivi di sicurezza dal personale del Cinema. Mugugni e sguardi tristi: si sono fermati più di un’ora al freddo per sapere, dai “fortunati” che erano entrati, come era andata!

Applausi, commozione, elogi, entusiasmo. Valeva la pena di lavorare duramente un anno….

Abbiamo dato più di un centinaio di dvd, preso contatti, fatto nuovi soci e socie all’Archimovi…

Ci saranno almeno due nuove proiezioni: l’11 febbraio alle 18 al Circolo Belleville, il 29 al Circolo Zenzero. Forse anche una intermedia, vedremo.

E’ stato bellissimo condividere con persone amiche, molte che hanno fatto con noi una lunga strada di movimenti e di lotte, il frutto di una riflessione – creativa – su quegli anni. Attraverso un racconto che ha intrecciato l’archivio e le testimonianze di oggi, lo sguardo di un regista militante, Gianfranco Pangrazio, la fresca passione intellettuale di una giovane storica, Anna Frisone, la memoria e le riflessioni mie e di Francesca Dagnino, e delle tante testimoni e protagoniste del femminismo a Genova. E naturalmente, creare un racconto con le immagini e i suoni, i volti, le espressioni, le emozioni. La magia del cinema!

Lo scritto di Cristina Bracchi , in occasione della presentazione di un ciclo di iniziative dell’Archivio delle donne in Piemonte, mi sembra il miglior testo che io abbia letto sul rapporto tra archivio, narrazione, femminismo. Lo riporto qui, a commento, e come promemoria. Per chi non lo conoscesse e per me, per ricordarlo e farne tesoro.

Narrazioni
La messa in relazione dei documenti e delle esperienze, dentro e fuori l’archivio, è
progetto narrativo.
L’archivio – come luogo e come documento – vive se raccontato, cioè se è soggetto di una dimensione narrativa, nelle sue doti di recupero, conservazione, valorizzazione, trasmissione.
La pratica artistica e l’esperienza, la pratica politica di cui il documento d’archivio è
fonte e memoria, sollecitano la creatività della pratica critica. C’è infatti una tensione narrativa nella descrizione storico-letteraria di esperienze, vite, immagini, che insieme all’aspirazione biografica e memorialistica va nella direzione della produzione di memoria culturale.
Come ri-proponiamo/narriamo ciò che è presente in archivio, ciò che afferisce
all’archivio, non è indifferente, infatti il concetto fondante le narrazioni d’archivio è l’idea di processo.
Hannah Arendt spiega che l’azione, il discorso e il pensiero, per diventare cose del
mondo, cioè per essere e avere realtà ed esistenza duratura, devono essere
riconosciuti e ricordati da altri e altre – condizione di pluralità – ed essere resi tangibili.
La «mondità» delle cose dipende dalla loro minore o maggiore permanenza nel mondo stesso. Nella concezione secondo cui con il discorso e con l’azione ci inseriamo nel mondo umano e riveliamo chi siamo in uno spazio di relazione, prendendo un’iniziativa e mettendo in movimento qualcosa in un continuum illimitato e imprevedibile, l’azione stessa si rivela pienamente nel suo significato e nella sua veridicità solo allo sguardo retrospettivo di chi fa la storia, di chi narra.
Guardarci e raccontarci significa l’importanza di raccontare/si e di sentirsi
raccontare che è proprio del femminismo, in termini di autorizzazione e svelamento. È proprio della relazione significativa.
È dunque nella dimensione intersoggettiva che si possono attuare le grandi narrazioni
(dal soggettivo al collettivo) che assumono valenza politica, come i femminismi, le
generazioni, i conflitti di classe, il dissenso, il lavoro, la democrazia che vorremmo, gli scenari possibili di ecologia sociale e mentale.
L’Archivio delle Donne in Piemonte-ArDP fa e si propone proprio questo: rendere
possibili le grandi narrazioni privilegiando quella dei femminismi, secondo una
prospettiva intersoggettiva: un “noi” in relazione, in un archivio aperto a leggerne il
disegno a interagire con l’auto-narrazione del movimento e delle singole.
Il concetto di «mondità» di Arendt, come quello di «mondificazione» di Spivak
spiegano filosoficamente la necessità sociale della politica del ricordo che annulli la
politica dell’oblio. A questo tendono gli incontri del ciclo Narrazioni.
Cristina Bracchi
novembre 2010

1 Commento

Archiviato in archivi, femminismo, media

Trailer del film “Donne in movimento”

Si avvicina la data della presentazione del film “Donne in movimento”.

Abbiamo fatto anche un piccolo trailer, ospitato sul canale Youtube della Casa di Quartiere dell’ex ghetto genovese, un quartiere del centro storico bellissimo e fino a poco tempo tempo fa oggetto alternativamente di mire speculative e del più orrendo degrado. Anzi, entrambe le cose insieme. Il Ghettup, che è anche la struttura dove abbiamo in parte lavorato e revisionato il video, è sostenuta da un consorzio di varie associazioni, capofila San Benedetto di don Gallo, e ospita una gran quantità di iniziative, specialmente rivolte agli abitanti del quartiere, tantissimi immigrati e le storiche trans. Fino a poco tempo fa non ci andavo mai, non c’era nulla che potessi fare, vedere, trovare in quel posto. Ora no, ci si passa anche per abbreviare la strada, ci sono piazzette recuperate, volte, vicoli, scorci di palazzi quattrocenteschi, l’abside di una chiesa romanica sconosciuta (Santa Sabina?) visi di residenti e passanti provenienti dai 4 angoli del mediterraneo, odori di cibi dall’America latina al Medio Oriente, piccoli bar e quasi-ristoranti dall’improbabile arredamento…

Il nostro regista Gian Pangrazio è  una “colonna” del Ghettup, dove tiene anche corsi per giovani aspiranti filmaker, e lì abbiamo ambientato anche alcuni incontri e interviste alle donne del nostro video, il quartiere è rimasto abbastanza lo stesso di quaranta anni fa, solo i nomi dei bambini che fanno casino nel vicolo sono diversi.

Anche io, all’epoca del femminismo e dei movimenti, abitavo poco lontano con i miei bambini. Era la ex sede del Manifesto, ristrutturata, in un bel palazzo antico. Ora in via del Campo oltre alle varie targhe e cimeli di Faber, è sopravvissuta un’unica bottega, il cui proprietario è lo stesso di allora. Vende caffe’, cioccolatini, caramelle…il caffè verde è in sacchi sul pavimento…i miei nipotini, oggi a gironzolare con me e il nonno in centrostorico, erano stupefatti: sono abituati ai supermercati, non conoscono le botteghe  come erano una volta. L’hanno soprannominata “Il paradiso dei grandi” appunto per questa opulenza caffeinica. A quel punto, abbiamo completato il tour didattico nostalgico portandoli nel negozio di frutta secca di Armanino in Sottoripa (altre meraviglie: bottino, i fruttini di cotognata solida, un barattolo di dulce de leche argentino, uno di sugo al nero di seppia siciliano) e finito con un’abbuffata di patatine fritte, pinolini (pesciolini fritti), baccalà, frisceu di verdura e altre prelibatezze nella vicina friggitoria  (sempre la stessa, ora c’è il figlio, ai miei tempi il padre e lo zio). Ringrazio il dio Giano, protettore di Genova, che ci sia ancora qualcosa di molto bello da far conoscere ai pargoli – che gli dia un po’ il senso del tempo, delle generazioni, degli strati della cultura e dei diversi modi di vita che li hanno preceduti. Dopo di che, pattinaggio sul ghiaccio!!! due ore di macarene e lambade a duecento decibel sotto il tendone delle feste del Porto Antico li vicino. Be’, i sabati della nonna devono mantenere il piede in due scarpe…anzi in due pattini.

Il Centro storico è stato il teatro, ma più che uno scenario, un elemento essenziale, direi, degli anni Settanta, della stagione delle lotte, dei movimenti, compreso quello delle donne. Non sarebbe stato lo stesso senza le sue trattorie a poco, i bar di Sottoripa aperti all’alba per i portuali, le sedi dei “gruppi” intasate di fumo, di carta, di manifesti e di discussioni, le case delle compagne e dei compagni, tutte simili e diverse, sui tetti, scalini infiniti e balconcini, librerie fatte di assi e mattoni, the, caffè e spesso….piatti da lavare. Quasi tutto è andato. Ma qualche brandello lo abbiamo scovato, dove ambientare le riprese del nostro video. Il Circolo Belleville…giovane anche come nome, e gestione, ma così simile nell’essenziale ai nostri…l’Hop Altrove, teatro, locale, bar, trattoria…non so cos’altro…la terrazza sui tetti di Francesca e Bruno, la sede delle Archinaute vicino al Duomo… Poco, ma anche molto. Ma forse, è lo spirito del tempo che soffia in questi vicoli. Basta lasciarsi portare…

2 commenti

Archiviato in femminismo, media

Grazie, Spinoza!

Riprendo la segnalazione di Maurizio Boscarol su Apogeonline e la diffondo: non fatevi mancare la consultazione di “Spinoza. Un sito serissimo”.

Battute sempre pertinenti, intelligenti, qualcuna geniale…

Mi sono trovata a ridere da sola.

Non mi succede quasi mai, di questi tempi. Basta questo per essere grata…

Lascia un commento

Archiviato in media

14 luglio: protesta dai blog contro la legge Alfano

Non siamo ancora al 14 luglio, ma mi avvantaggio.

Contro il decreto legge Alfano che vuole mettere ilo bavaglio alla rete

Contro il decreto legge Alfano che vuole mettere il bavaglio alla rete

Http://www.dirittoallarete.ning.com

Così come hanno sotto il tallone le televisioni, i telegiornali in particolare, ci provano con internet…non credo che ci riusciranno. A meno di non condannare tutti…io già mi autosegnalo: non terrò in nessun conto il ddl Alfano. Credo che scriverò quello che voglio, buone o cattive che siano le cose che scrivo. Non ho mai insultato nessuno e se incappo in qualche errore, cerco di riparare.

E’ una legge per contrastare la delinquenza, la pedofilia?

Ma mi facciano il piacere!!!!!

Sappiamo bene dove dovrebbero andare a cercare…

2 commenti

Archiviato in media, ribellarsi è giusto

Ipertrofia di un mito: verso la fine, speriamo

Il duce insegna: il mito si gonfia e alla fine scoppiaArticolo Gibelli

Articolo di Antonio Gibelli pdf

Nell’articolo pubblicato ieri 28 maggio sul Secolo XIX di Genova  lo storico Antonio Gibelli, facendo riferimento agli studi di Luisa Passerini e Sergio Luzzato, descrive in breve l’evoluzione e la parabola dell’immaginario collettivo che alimenta, sostiene e alla fine distrugge l’ipertrofica mitologia del duce e di chi come Berlusconi nello stesso modo ha creato e alimenta il  mito di se stesso…verso la fine? mai troppo presto!

Lascia un commento

Archiviato in media, ribellarsi è giusto