Manifestazioni ovunque sui fatti di Napoli

FLAT I vergognosi fatti di Napoli, l’irruzione delle forze dell’ordine dell’ospedale dove una donna aveva appena praticato un aborto terapeutico, sono ormai sulle pagine dei giornali e nei notiziari tv. Oggi stesso ci sarà una prima e immediata risposta, con presidi e manifestazioni, ovunque.
La violenza contro le donne fa un salto di qualità, direttamente sul terreno politico ed elettorale: questo è un primo episodio, terrificante per le prospettive che evoca, cioè terrorismo clericofascista, di cui Ferrara si è imparato a memoria la lezione dai gruppi americani. Il tutto, per avere qualche voto in più! spingendo nel regno dell’inaudito il cinismo politico – i corpi e le lagrime delle donne, il loro dolore, come una piattaforma per un partito politico (che abbia voti, soldi, posti in parlamento…se quella fogna che è diventerà forse si potrà chiamare ancora parlamento). Se non ci mobilitiamo subito, tutte e tutti. Se non lottiamo. Se ci facciamo instupidire, rimbambire. Ma qui, care, si tratta della nostra pelle e dignità, delle nostre figlie, e forse nipoti…nonchè amiche che vengono a lavorare qui da paesi lontani, sole e spesso impaurite.
Appuntamenti: per chi non va a Roma, il 23 in piazza De Ferrari a Genova, ore 16,30. Spero però che si riesca a organizzare anche qualcosa prima. Guardate anche questa intervista su Repubblica online di oggi, e traete le vostre conclusioni (un ringraziamento alla donna intervistata, per il suo coraggio – e alla giornalista). Facciamo rete!

Annunci

2 commenti

Archiviato in ribellarsi è giusto

2 risposte a “Manifestazioni ovunque sui fatti di Napoli

  1. Si, facciamo rete! Usiamo i nostri blog, per quel che può servire, per promuovere la riflessione sugli eventi estremamente preoccupanti che stanno attraversando il nostro paese, sulla cultura retrograda e biecamente moralista vuole uccidere la libertà e le acquisizioni che molte di noi avrebbero voluto dare per scontate.

    Ma cosa sta capitando? Io sono veramente allibita.
    Il timore è che, di fronte a una palese crisi di valori, gli integralisti della morale possano approfittarne per farsi strada, acquisendo potere (perché – diciamolo pure – è questo l’obiettivo dei Ferrara di turno).

    Impediamolo. E utiliziamo le battaglie che dovremo necessariamente fare anche per sensibilizzare le più giovani, le meno legate a una memoria storica del femminismo e dei diritti delle donne. Perché anche loro, anche se molte non lo vogliono sapere, pagheranno le conseguenze di ciò che sta accadendo.

    Sono veramente triste e infuriata.

  2. deffe

    Cara Giulia, mi consolano le mobilitazioni immediate che stanno nascendo in tutta Italia. Sono convinta che la forza delle donne sia immensa, se solo la vogliamo usare, e forse, come diceva un vecchio detto cinese (non di un saggio, però!) “i reazionari sollevano massi che poi si fanno cadere sui piedi…”. Dico questo, non per lasciare perdere, ma anzi per ampliare, concretizzare, rilanciare le lotte. Sono convinta che bisogna riprendere il lavoro sull'”obiezione-abiezione” dei ginecologi, pubblicando liste di nomi, andando a controllare chi presta servizio in ospedali e cliniche…; che dobbiamo riprendere in mano anche i consultori, rivitalizzandoli; che dobbiamo aprire “sportelli informativi” multilingue e servizi per le immigrate, rigorosamente laici; che dobbiamo pretendere una farmacia cittadina aperta 24 ore al giorno per la “pillola del giorno dopo”…c’è un sacco di cose da fare – un sacco di donne che possono farle, ora usando anche il networking e altre risorse web2.0. E saremo noi a usare le tecnologie, (come stiamo già facendo in parte) e non a farci usare. La rabbia e l’indignazione di questi giorni – e non è che l’inizio – però sono anche una scossa per toglierci un poco rincitrullimento. Teniamoci in contatto!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...