Iniziative dalla archiblogsphera

Il prezioso @rchivista pubblica il programma di una nuova iniziativa, che si terrà alla fine di gennaio: Un corso di formazione sui blog per archivisti nell’ambito dell’attività formativa dell’ACAL, Associazione degli archivisti di Castilla e León. Come tornerei volentieri a León! Una città affascinante, che ho visitato alcuni anni fa. Una meravigliosa cattedrale gotica…un centro storico antico, vivace e accogliente.
Interessante anche il nuovo post Archivos un poco más 2.0 , che segnala link a risorse 2.0 in archivi sparsi nel mondo. Appena avrò un attimo di tempo mi riprometto di consultarli con attenzione. Mil gracias, Paco.

Segnalo qui a chi fosse sfuggita (a me è sfuggita!) una iniziativa già avvenuta l’autunno passato, il cui argomento assomiglia molto al seminario che si farà prossimamente a Genova : Web 2.0 e strumenti collaborativi: hanno un senso per i Beni Culturali e la formazione? organizzato dalla Fondazione Rinascimento Digitale. E segnalo inoltre il commento che ne fa Fabio Di Giammarco su Multimedia Architecture.

C’è qualcosa che mi perplime nelle prime righe del suo pezzo: “Nel seminario “Web 2.0 e strumenti collaborativi: hanno un senso per i beni culturali e la formazione” svoltosi a Firenze – per iniziativa della Fondazione Rinascimento Digitale – sembrava si dovesse dibattere solo sull’ormai scontata introduzione anche nei domini della P.A., dei beni culturali e della formazione, di una massiccia dose di web 2.0…”
A me francamente questa introduzione non sembra affatto scontata…ho l’impressione che se ne parlerà ancora molto, spero costruttivamente piuttosto che a vuoto…
Di Giammarco così commenta il momento del dibattito con il focus su “Wikipedia/web2.0 contro strumenti scientificamente affidabili” : “Per gli apologeti del web 2.0 si tratta di un mutamento epocale: sta finendo un mondo (quello del libro) e ne sta cominciando un altro, quello digitale. Gli scettici sono di tutt’altro avviso: Wikipedia non può essere perfezionata perché non è una cosa seria, è quasi un gioco da ragazzi. Per la cultura, per lo studio, gli strumenti scientificamente affidabili sono insostituibili.”
Mah, mi pare che da quando esiste internet e almeno da una trentina di anni, si stanno rigirando questi argomenti abbastanza stucchevoli. Fine del libro…fine della cultura…fine del mondo? Spero proprio che i responsabili dei Beni Culturali che hanno partecipato al dibattito in posizione anti web2.0 abbiano avuto migliori argomenti, e solo per problemi di spazio recensivo non siano emersi dall’articolo in questione.
In caso contrario…siamo alle solite degli apocalittici contro stupidi entusiasti faciloni? semu ben ciappè, (siamo ben combinati), come si dice a Genova. Qualcuno dovrebbe sottovoce segnalargli l’esistenza di Amazon, tanto per fare un nome, oppure di LibrayThink…e inoltre, come dice Peter Van Garderen “Bad metadata is bad metadata”, che siano su carta, su byte o su tavolette di cera.

Annunci

2 commenti

Archiviato in archivi

2 risposte a “Iniziative dalla archiblogsphera

  1. Gracias por hablar del curso en tu magnífico blog, Paola. Espero que el seminario en el que participas en unos días salga perfecto (lástima no poder acudir)… y que después nos transmitas a tus lectores a través de Archivagando algo de lo que en él se trate.
    ¡Mucha suerte!

  2. Pingback: Riflessioni sparse. In occasione del seminario « Archivagando

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...